Bus Trainers, il nuovo progetto europeo sulla formazione dei formatori

E’ iniziato lo scorso dicembre, e ha una durata di tre anni, il progetto europeo Bus Trainers, coordinato dalla Fundación Laboral de la Construcción (Spagna) e avente come partner italiani Ance e Formedil. I Paesi coinvolti, oltre alla Spagna e all’Italia, sono Grecia, Malta e Portogallo.

Obiettivo del progetto – che si innesta su importanti esperienze condotte a livello europeo nell’ambito dell’alleanza Build Up Skills (tra cui il progetto I-Town, cui l’Ance partecipa) - è definire schemi e strumenti per i corsi di formazione indirizzati ai formatori dell’edilizia sostenibile. In tal modo i partner mirano ad aumentare la competitività del settore delle costruzioni, attraverso la promozione di competenze in materia di efficienza energetica ed energie rinnovabili.

Le prime attività hanno riguardato principalmente lo svolgimento delle indagini sulle lacune[1], o fabbisogni di competenze “verdi”, nel settore edile.

La metodologia utilizzata per definire le lacune è la seguente:

  • Preliminarmente all’identificazione delle lacune, durante il kick-off si è tenuta una riunione dei partecipanti con l’obiettivo di raccogliere contributi riguardo a che cosa si intenda per competenze verdi, abilità pedagogiche e soft skills, nei rispettivi Paesi.
  • A seguito di questa attività, si sono svolti due tipi di analisi:
    • un’analisi documentale, ovvero una consultazione Paese per Paese degli status quo nazionali e delle tabelle di marcia prodotte nel quadro dei progetti Build Up Skills, oltre ad eventuale altra documentazione pertinente;
    • un’analisi sperimentale, ovvero uno studio sul campo allo scopo di identificare e definire le lacune di competenze verdi nei formatori del sistema di istruzione e formazione professionale.

Questa analisi è stata fatta mediante due tecniche di ricerca: un sondaggio on-line compilato dai formatori in ogni Paese, che in Italia ha raccolto più di cento feedback, e almeno 5 interviste semi-strutturate per Paese.

Seguendo questa metodologia, è iniziato il lavoro di identificazione delle lacune, sulla base dei risultati, aggregati a livello europeo, delle analisi documentale e sperimentale. Una parte di tale lavoro è stata svolta nell’ambito del secondo meeting dei partner, nel mese di maggio.

 



[1] E’ definita lacuna "una situazione in cui il livello di competenze di coloro che sono attualmente occupati è inferiore a quello richiesto per eseguire adeguatamente il lavoro o in cui il tipo di abilità non corrisponde ai requisiti del lavoro"


Moderato da : Leila Bizziccari

Altri "Informazioni"

Risultati nazionali del concorso promosso da Construction21 dedicato all’edilizia sostenibile

Pubblicato il 14 set 2017 - 00:00

Sono cinque gli Edifici che andranno direttamente alle finali internazionali votati della giuria nazionale e dagli utenti attraverso il voto on-line del  “Green Solutions Awards 2017”, premio internazionale promosso dal network Constr (...)

Intervista a Piero Pedone/Studio Pedone vincitore del Green Building Solutions Award 2016 per “Energy & Hot Climates” con il caso “Case di Luce"

Pubblicato il 04 set 2017 - 00:00

4 domande per Piero Pedone del Pedone Studio vincitore del Green Building Solutions Award 2016 per la categoria “Energy & Hot Climates” con il caso “Case di Luce: edificio residenziale NZEB – Bisceglie"    1. Perché ha deciso di parte (...)

I-TOWN E' on-line la piattaforma free per la gestione dei cantieri 4.0

Pubblicato il 06 lug 2017 - 00:00

Un nuovo strumento a disposizione di chi lavora in cantiere in materia di sostenibilità ed efficienza energetica. È on-line una piattaforma free per la gestione dei cantieri 4.0. Grazie al progetto Europeo I-TOWN - Italian Training (...)





Ricerca fra le news

Inserisci una parola chiave



Altre news



Categorie


Articoli più letti