L’Agenzia delle Entrate, mediante la circolare n. 2/E del 1 marzo 2013, ha finalmente chiarito l’ambito di applicazione della responsabilità solidale tra appaltatore e subappaltatore, introdotta dal decreto legge 83/2012, c.d. “decreto crescita”, per i versamenti dovuti all’erario a fronte delle ritenute fiscali sui redditi da lavoro dipendente e dell’ I.v.a., dovuta dal subappaltatore riguardo alle prestazioni svolte in esecuzione del rapporto di subappalto.

L’Agenzia ha infatti chiarito che sono escluse dal campo di applicazione dei commi 28, 28-bis e 28-ter dell’articolo 35 del suddetto decreto tutte le tipologie contrattuali diverse dal contratto di appalto di opere e servizi quali, ad esempio:

a) gli appalti di fornitura dei beni;

b) il contratto d’opera, disciplinato dall’articolo 2222 c.c.;

c) il contratto di trasporto di cui agli articoli 1678 e seguenti del c.c.

 Regulations & standards

Ultimo aggiornamento il il 12-03-2013 da Giulio Graziani

  • VISITO 1001 VOLTE

Struttura della pagina