CASA NP

  • Tipologia di progetto : Ristrutturazione
  • Tipo di edificio : Villa isolata
  • Anno di costruzione : 2018
  • Anno di consegna : 2019
  • Zona climatica : [Csa] Interior Mediterranean - Mild with dry, hot summer.
  • Superficie utile calpestabile : 202 m2
  • Costo di costruzione/ristrutturazione : 350 000 €
  • Numero delle unità funzionali : 1 Appartamenti
  • Costi/m2 : 1 733 €/m2
  • Costi/Appartamenti : 350 000 €/Appartamenti


Moderato da : Leila Bizziccari

Casi studio simili

Nuove ville 200 - Villaggio Corte di Cadore

Il progetto prevede l’ampliamento della zona residenziale del Villaggio Corte delle Dolomiti a Borca di Cadore. Prevista la realizzazione di 12 edifici bifamiliari in legno secondo le prescrizione dell’Agenzia Casaclima di Bolzano (...)

La Casa del Sole

La residenza Casotto – Goffo, denominata “Casa del Sole”, è una ristrutturazione completa di un’abitazione degli anni fine sessanta con il rifacimento completo del 90% della parte strutturale e il rifacimento totale della parte impian (...)

Villa bifamiliare ad energia quasi zero in legno

​L'edificio si trova in un'area di espansione residenziale di Rovello Porro (CO) ed è realizzato in Legno con struttura a telaio. Per espressa richiesta della committenza si è optato per l'impiego di questo sistema costruttivo per (...)


  • Pubblicato il 29 giugno 19
    da Tiziana Monterisi|Italia
    Visto 103 volte


  • Concorsi

    Green Solutions Awards 2019 - Edifici

    Bassa Emissione di Carbonio
    Salute e Comfort


    ​La valutazione attenta delle potenzialità dell’edificio e il grado di applicabilità delle tecniche di risparmio energetico, attuato con sapienza e conoscenza, ha portato ad un intervento che tenesse in giusta considerazione la diversa concezione attuale del bene edilizio e la maggiore consapevolezza da parte degli utenti del concetto di sostenibilità legato al benessere dell’abitare (comfort igro-termico, qualità dell’aria, benessere luminoso ed acustico degli ambienti interni).

    Questo progetto di ristrutturazione rappresenta un esempio virtuoso di sostenibilità architettonica da seguire sotto molteplici aspetti. Partendo dalla stratigrafia del telaio costituente la copertura e dell’isolamento a cappotto in opera esterno delle pareti perimetrali, questa si compone unicamente di materiali di origine naturale, e sfrutta come elemento principale le caratteristiche isolanti termiche ed acustiche della paglia di riso che, oltre ad essere un ottimo isolante, garantisce la perfetta traspirabilità delle pareti in cui viene utilizzata; lo sfruttamento della massa termica dell’isolamento in paglia, inoltre, favorisce anche un naturale controllo microclimatico interno.Il fabbricato non necessita di allaccio alla rete gas metano per il riscaldamento in quanto, grazie all’elevato isolamento dell’involucro, riduce al minimo i costi di climatizzazione invernale. La climatizzazione estiva è gestita grazie alla ventilazione naturale e all’elevata inerzia termica della stratigrafia.

    Il lotto gode di un'ottima esposizione. Le vetrate contribuiscono al dialogo tra l'interno e l’ambiente naturale esterno, consentendo altresì un ottimale sfruttamento dell’apporto solare, vera fonte di riscaldamento naturale della casa.

    E’ presente un impianto fotovoltaico dimensionato per l’utilizzo come fonte di energia primaria per la produzione di energia elettrica.

    L’edificio originale è stato trasformato in un microcosmo eccellente completamente autonomo in completo equilibrio con i sistemi presenti in natura, elevando il concetto di casa come “terza pelle” e di sostenibilità non solo nella costruzione, ma nell’intero suo ciclo di vita. Dalla produzione dei materiali alla restituzione alla natura della porzione di suolo presa “in prestito”: un ulteriore salto “energeticamente superiore” rispetto ai ben noti edifici passivi che utilizzano tecnologie e metodi che possono far diventare queste case ad “emissioni zero”.

    Un livello ottimale di isolamento termico fornisce un’eccellente protezione termica dell’involucro edilizio ed è essenziale per raggiungere alti livelli di efficienza energetica. La maggior parte del calore negli edifici convenzionali viene disperso attraverso le pareti perimetrali, il tetto e il pavimento.Questo principio è invertito in estate e in zone climatiche più calde: a fianco di elementi oscuranti esterni ed elettrodomestici ad alta efficienza energetica, l’isolamento termico garantisce che il calore rimanga fuori mantenendo l’interno piacevolmente fresco.

    Rispetto ad una casa passiva, la casa attiva è in grado di catturare o produrre più energia rispetto a quella necessaria utilizzata per gli occupanti, energia divisa fra calore ed elettricità. In particolare può arrivare a generare abbastanza energia da annullare entro 30 anni i costi energetici per la costruzione della casa attiva stessa, lasciando un’impronta ecologica quasi inesistente. Il progetto di casa attiva realizza interamente il processo sostenibile da un punto di vista sociale, economico e dell’ambiente.

    In sintesi, non si tratta semplicemente di una casa passiva, ma è davvero edificio ad impatto zero in quanto, grazie alle scelte architettoniche ed energetiche, è in grado di catturare e produrre più energia, sia termica che elettrica, rispetto a quella necessaria utilizzata per gli occupanti.

    Schema di certificazione


    Localizzazione

    Reg. Tetti Alassio 14 , 10090 Sciolze Italia

    Technicals Features